Fase del gioco Realistico

È questa l'età in cui il bambino comincia a relazionarsi con più bambini. Con la scuola dell'infanzia inizia la sua vita sociale, si affeziona ai bambini più grandi e comincia a distinguere maschietti e femminucce. Il bambino smette di giocare per sè stesso ed inizia a giocare con gli altri, le sue relazioni sono legate al gioco e al fare qualcosa insieme.

È attratto dal "gioco dei ruoli". L'imitazione diventa un vero e proprio processo di identificazione attraverso il quale si va formando la sua personalità.

Impara attraverso il gioco ad adattarsi ai suoi compagni, a collaborare con loro a difendere i propri diritti e quelli degli altri, a guidarli e ad essere guidato.

Il gioco diventa il lavoro del bambino, il suo mestiere, la sua vita.

Ecco che riproduce nel gioco episodi vissuti a scuola, piuttosto che in casa o al parco con un amichetto.

Crea un mondo in miniatura con una stalla, una bambola e due cavalli o il momento della merenda con le amiche con un tavolino e un mini servizio da tè o ancora si trasforma in una piccola rock band con un gruppo di amichetti pronti ad emulare ed imitare i rockettari più scatenati.

Durante il gioco apprende anche molte utili lezioni morali, come il rispetto degli altri, la lealtà, il controllo, rispettare il proprio turno.

Scopri i Giochi Adatti